New Scientist riferisce che il Cronulla Fisheries Centre nel New South Wales ha un nuovo piano per salvare lo squalo nutrice grigio in via di estinzione.

Gli squali nutrice grigi iniziano con circa 40 embrioni per gravidanza. Tuttavia, gli embrioni hanno la tendenza a mangiarsi l'un l'altro nel grembo materno, il che significa che solo una coppia arriva a termine.

CFC sta costruendo una serie di utero artificiale in modo che ogni embrione possa essere rimosso dalla madre e portato a termine. "Non mangiare i tuoi fratelli e le tue sorelle adesso!"

Ok .. questo suona come un buon piano in apparenza - tranne per un paio di cose. Un utero artificiale? Le gravidanze sono difficili da realizzare anche usando l'attrezzatura originale, quindi sarà interessante vedere quanto sia efficace un utero artificiale.

Ma a parte questo, la natura raramente fa le cose senza ragione. Non una ragione consapevole, ovviamente, ma miliardi di anni di ragioni per tentativi ed errori. Quaranta embrioni vengono fecondati ciascuno con la capacità di venire a termine, quindi qual è il vantaggio evolutivo di sprecare questa energia in una frenesia alimentare cannibale?

Nutrizione? Perché convertire l'energia in uno squalo embrionale solo per poi usarla come fonte di cibo? Le efficienze si perdono in questo processo.

Molti animali sottopongono a prova di stress gli embrioni per verificarne l'idoneità prima di consentire loro di venire a termine. Anche negli esseri umani, fino a un embrione su tre non ce la fa. Sembrerebbe che la spiegazione più probabile di ciò che sta accadendo è che il mondo in cui entreranno questi squali è un mondo duro, in particolare quando sono giovani, e questo processo aiuta a eliminare tutti i cuccioli tranne i più forti - quelli con che hanno il vantaggio maggiore.

Quindi, mentre interferire con questo processo può aumentare il numero di squali nati, sicuramente la qualità sarà diminuita.

Questi squali sono quasi estinti, quindi mentre l'idea di portarne nel mondo il maggior numero possibile sembrerebbe una buona strategia, le conseguenze del rilascio di così tanti squali che normalmente non sarebbero portati nel mondo potrebbero avere effetti dannosi a lungo termine: il gene la qualità della piscina è ridotta e questo avrebbe sicuramente un impatto sulla sopravvivenza a lungo termine della specie.



Martedì, Agosto 5, 2008

« Indietro