La domanda è "Come posso semplificare la mia vita da riga di comando in Linux (e altri sistemi operativi in ​​stile Unix ')?"

"screen" è la risposta, ma è la risposta anche se non stai facendo la domanda. "screen" è così fondamentalmente utile che dovrebbe essere una parte fondamentale del kernel se me lo chiedi.

Quindi, cos'è? Quindi eccoti qui, connesso alla tua macchina Linux, e avvii una compilazione. Prima che tu te ne accorga, ci sono un'infinità di dipendenze da considerare e ci saranno per un po '. Quindi ora la tua sessione è bloccata, quindi se vuoi andare avanti con qualcos'altro, devi creare una nuova connessione alla scatola. Ma cosa succede se è necessario riavviare la macchina da cui ci si connette mentre è in corso una compilazione di un giorno? Interrompere la connessione al server Linux ucciderà tutti i processi associati a quella sessione.

O se volessi provare qualcosa in una sessione e vedere l'output in un'altra sessione? SecureCRT è un ottimo client ssh e la versione 5 supporta le schede, il che è fantastico. Ma ovviamente, ogni volta che devi fare una nuova sessione, devi autenticarti.

Comunque "schermo" è la risposta, come già sai perché te l'ho detto all'inizio.

Quello che fa lo schermo è disaccoppiare la sessione della console dalla console stessa. Quando crei una sessione ssh, stai fornendo un input / output tty. In modo che tu possa dire alla scatola cosa fare e può rispondere a te.

Quello che "screen" fa è fornire un proxy per quella sessione. Quindi "screen" è dove vanno i tuoi input e output e puoi essere connesso allo schermo o meno. Quando si esegue lo schermo è trasparente, è proprio come se si stesse eseguendo una normale sessione.

Ma se chiudi la tua sessione ssh e poi ti riconnetti da un altro terminale, digitando screen -r potrai continuare da dove eri rimasto. E non importa se si tratta di un'altra sessione ssh o telnet, o se ti avvicini alla console fisica.

Quindi è utile, vero? Ma non è tutto molto lungo. "screen"non è limitato a una sessione della console. Puoi averne un certo numero. Potresti avere 10 sessioni diverse che vanno alla tua macchina Linux contemporaneamente e poi scollegarle tutte e riprenderle tutte da qualche altra parte.

"screen" è controllato con il meta ctrl-a per impostazione predefinita, e qui ci sono una serie di comandi utili:

ctrl-a c Crea e inserisci una nuova schermata
ctrl-a n Passa alla schermata successiva
ctrl-a p Schermata precedente
ctrl-a " Schermate di elenco
ctrl-a M Monitoraggio dello schermo per l'attività (se succede qualcosa, vengono visualizzati altri schermi)
ctrl-a S Schermi divisi
ctrl-a Tab Passa da uno schermo all'altro

Quindi ce n'è una manciata e nota che puoi tagliare e incollare tra gli schermi, il che lo rende estremamente utile quando sei sulla console.

 

Questo conclude questo articolo sullo schermo e ora siederà tra i milioni di altri in rete. C'è un motivo per cui sono tutti lì: "screen"è la risposta.



Mercoledì, Ottobre 22, 2008

« Indietro